Recensione: Non dirgli che ti manca di Alessandra Angelini

Data di pubblicazione: 17/11/2016

Editore: Newton Compton

Pagine: 448

Prezzo: 9.90 €

non-dirgli-che-ti-manca_8241_x1000

Isabella è a pezzi. Deve vedersela con un padre di successo, per il quale non c’è un altro futuro possibile se non quello che lui stesso ha immaginato per la figlia. E come se non bastasse, il suo fidanzato, quello che secondo tutti era il ragazzo perfetto, la tradisce spezzandole il cuore. Così decide che è arrivato il momento di cercare la propria strada e trasferirsi da Roma a Bologna per studiare. Ma la vita è sempre pronta a sorprenderti: nel caso di Isabella l’imprevisto si chiama Denis, tatuatissimo batterista dei Bad Attitude. In una notte che cambia tutto, Isabella infrange ogni regola. I due si imbarcano in una relazione turbolenta, fatta di lunghe separazioni, resa complicata dall’insofferenza del padre di lei e dalle insicurezze della ragazza. Nonostante le differenze sociali, quello che Denis e Isabella provano l’uno per l’altra è un sentimento insopprimibile, forte e delicato, violento e dolce allo stesso tempo, qualcosa che va oltre le regole, ma che non sembra destinato a finire, come quelle melodie che entrano nella testa e non se ne vanno più…

Recensione

Ringrazio in primis la Newton Compton Editori per avermi permesso di leggere il romanzo di Alessandra Angelini.

La vera bellezza non sta nella perfezione, sono le imperfezioni a renderci unici. Speciali.

Siamo di fronte a un romanzo diverso, diverso perché non c’è solo una storia d’amore, ma quello che l’autrice ci racconta è come, nonostante le paure, le persone riescano a tirare fuori il meglio di sé.

Nella vita si cresce, si cambia. L’importante è non perdere la capacità di sognare, quel pizzico di follia che ti fa credere nell’impossibile, rendendoti un visionario agli occhi dei contemporanei, un genio per gli altri.

Isabella è una ragazza che vive all’ombra di suo padre. Lui ha sempre deciso per la sua vita e non accetta che qualcuno remi contro di lui. Per la nostra protagonista arriva però quel momento in cui realizza che non può andare avanti così. Vuole cambiare vita e lo fa compiendo il primo passo. Si trasferisce da Roma a Bologna.

Eravamo due piume strappate dalla stessa ala, indifese, ci avvicinavamo  e allontanavamo in una spirale fatta di lacrime e sorrisi, carezze e schiaffi. Anime gemelle destinate a riunirsi, appena prima di cadere.

Durante il romanzo ci troviamo di fronte ad una ragazza fragile timorosa di esprimere le sue vere emozioni perché ha paura di soffrire. Quando però incontra Denis il suo mondo verrà letteralmente capovolto. Dovrà fare i conti con i suoi sentimenti e con le sue paure, perché ora nel suo cammino c’è lui.
Lui suona in un gruppo musicale ed ha un passato abbastanza “pesante” se così lo vogliamo definire, ma fa di tutto pur di migliorare. Passi falsi ne farà, ma cercherà in tutti i modi di far capire a Isabella quanto in realtà sia cambiato.

<<Non mi piace vederti piangere. Vorrei solo vederti sorridere, arrossire, stupirti o imbarazzarti con me. >> Mi tenne tra le braccia un istante, prima di accompagnarmi sul letto con attenzione.

Lo stile di scrittura è abbastanza scorrevole. Certi dialoghi li ho trovati a tratti dispersivi, ma non in senso negativo. Credo che ogni autrice abbia il proprio stile di scrittura e quello di Alessandra Angelini l’ho apprezzato. L’importante è prendere da ogni romanzo quel qualcosa che ci dia la possibilità di sognare, ma anche di riflettere, perché il romanzo della Angelini non è una una semplice storia d’amore, come ho detto all’inizio, ma è una crescita personale dei protagonisti.

Voto 3.5-4 / 5 stelle!

  • 1 stella: pessimo
  • 2 stelle: scarso
  • 3 stelle: buono
  • 4 stelle: ottimo
  • 5 stelle: meraviglioso

 

Precedente Anteprima: La profezia di mezzanotte di Irena Brignull Successivo Classifica libri più venduti - Settimana dal 14 al 20 novembre