Recensione: The winner’s curse – La maledizione di Marie Rutkoski

Data di pubblicazione: 27/07/2017

Editore: Leggereditore

Genere: Fantasy / Young Adult

Prezzo: 14.90 €

In quanto figlia di un potente generale di un vasto impero che riduce in schiavitù i popoli conquistati, la diciassettenne Kestrel ha sempre goduto di una vita privilegiata. Ma adesso si trova davanti a una scelta difficile: arruolarsi nell’esercito oppure sposarsi. La ragazza, però, ha ben altre intenzioni… Nel giovane Arin, uno schiavo in vendita all’asta, Kestrel ha trovato uno spirito gentile e a lei affine. Gli occhi di lui, che sembrano sfidare tutto e tutti, l’hanno spinta a seguire il proprio istinto e a comprarlo senza pensare alle possibili conseguenze. E così, inaspettatamente, Kestrel si ritrova a dover nascondere l’amore che inizia a sentire per Arin, un sentimento che si intensifica giorno dopo giorno. Ma la ragazza non sa che anche il giovane schiavo nasconde un segreto e che per stare insieme i due amanti dovranno accettare di tradire la loro gente o altrimenti tradire sé stessi per rimanere fedeli al proprio popolo. Kestrel imparerà velocemente che il prezzo da pagare per l’uomo che ama è molto più alto di quello che avrebbe mai potuto immaginare…

Serie “The winner’s”:

  • #0.5 Bridge of Snow (Inedito in Italia)
  • The winner’s curse – La maledizione
  • The Winner’s Crime (Inedito in Italia)
  • The Winner’s Kiss (Inedito in Italia)

Recensione

Sembra che qualcuno qui sia vittima della Maledizione del Vincitore.
Kestrel si voltò verso di lei. Che significa?
Non vieni spesso alle aste, vero? La Maledizione del Vincitore accade quando vinci l’asta ma solo pagando un prezzo esagerato.

Una recensione che arriva prima delle vacanze estive e non potevo non parlarvi di questo primo romanzo della trilogia di Marie Rutkoski. E ringrazio anche la casa editrice Leggereditore che mi ha concesso l’opportunità di leggerlo per voi.

Ma lei era davvero forte. Orgogliosa. Scaltra. Chi credeva che fosse, se non la persona che lo batteva senza pietà ogni volta che giocavano a Mordi e Pungi, che gli aveva consegnato il contributo post mortem di Irex e che gli aveva detto esattamente cosa farne? Eppure non disse una parola. Si appoggiò alla curva delle sue braccia. Era facile danzare con lui. Sarebbe stato facile dire di sì.

Il mondo creato dall’autrice è la grande suddivisione tra herrani e valoriani. Un mondo che fin da quando si ha memoria è sempre stato in guerra.
Krestel è una valoriana, una nobile figlia di un generale, ma dotata di un carattere forte capace di arrendersi alla vista di uno schiavo herrano, Arin. Durante un’asta Krestel si ritrova a pagare una cifra esorbitante per averlo con sé. Arin è schivo e quasi infastidito dalla situazione, ma essendo uno schiavo non può fare altro che accettare. Non sa però che la vicinanza di Krestel lo farà ricredere sul suo futuro. Perché per il mondo valoriano sta per andare tutto in fumo. È un ragazzo misterioso, pieno di segreti tanto da mettere in pericolo la sua vita e quella di coloro che lo circondano.
Tra tira e molla e ripensamenti sul suo essere Krestel dovrà fare i conti con sentimenti inaspettati per questo ragazzo che le ha rubato l’anima.

Lei chiuse la finestra e il proprio cuore, perché quello che sentì lo vide arrancare lungo il sentiero era qualcosa di inaspettato. Non poteva provarlo, non poteva. Un sollievo estremo, dirompente.

Un romanzo fantasy young adult che si fa leggere e che lascia un finale aperto tanto da farti “odiare” l’autrice perché vuoi saperne di più. Due protagonisti che mettono al primo posto la loro libertà e i loro ideali, ma capaci di arrendersi di fronte all’amore. Dopo la scelta di Krestel, ci sarà una speranza tra lei e Arin? Per saperlo non vi resta che leggere.

Voto 4 / 5 stelle!

  • 1 stella: pessimo
  • 2 stelle: scarso
  • 3 stelle: buono
  • 4 stelle: ottimo
  • 5 stelle: meraviglioso

I commenti sono chiusi.