Citazioni: A fiori di pelle di Sophie Jackson

La libbra di carne ch’io reclamo da lui è stata comprata a caro prezzo. E’ mia! E l’avrò?
William Shakespeare, Il mercante di Venezia.

<<Hai finito?>>, sibilò, con gli occhi fissi nei suoi. <<Lascia che ti dica una cosa, signorina Lane. Se non ti avessi presa al volo, tu e la tua gratitudine sareste finite per terra. Adesso quello stronzo ci penserà due volte prima di trattare male una donna, quindi non rompermi le palle con quello che devo o non devo fare. Sei la mia insegnante, non il mio angelo custode. Vedi di cambiare atteggiamento.>>

Nell’istante stesso in cui aveva sfiorato le sue labbra, aveva perso completamente la testa. Averla così stretta a lui gli aveva trasmesso una sensazione indescrivibile, e l’aveva abbracciata come se fosse una cosa fragilissima, capace di andare in frantumi al minimo tocco delle sue dita. Non gli era mai capitato di baciare una donna con quella tenerezza. Lui per primo ne era rimasto sorpreso.

<<Va meglio così?>> le sussurrò, accarezzandole il collo con il suo respiro. <<Si.>> Felice, Kat mise la mano nella sua e, una dopo l’altra intrecciò le dita a quelle di Carter. Perfetto.

Carter rise piano e le accarezzò il collo con la punta del naso. <<Dal modo in cui sei arrossita, sarà qualcosa di molto bello.>> <<Mmm.>> <<Peaches?>> Le strinse la vita. <<Si?>> <<Il bacon sta bruciando.>>

Lui la inseguì; le gridò di fermarsi, che era troppo buio per andare in giro da sola a Central Park, me lei lo ignorò. Avrebbe potuto raggiungerla in un attimo; avrebbe potuto bloccarla facendola cadere a terra esattamente come sedici anni prima, però che senso avrebbe avuto? Lo detestava e non voleva stargli vicino. Gli aveva detto che era un bugiardo. Era vero?

Prese la statuetta di Alice e disse: <<Ogni volta che la guardi, voglio che ricordi tutta la strada che abbiamo percorso insieme. Alice era lì al nostro primo non-appuntamento, quando ti ho rubato il bacio più bello della mia vita. […] Ero perso quando mi hai ritrovato, ma sei riuscita a rimettere insieme i pezzi e mi hai convinto che io non sono gli errori che ho commesso. Tu hai creduto in me quando nessuno era disposto a farlo.>>

Pubblicazione: Giugno 2015
Editore: Fabbri Editori

Precedente Anteprima: Ogni storia è una storia d'amore di Alessandro D'Avenia Successivo Segnalazione #51: Racconta dall'inizio di Luca Mastrocola