Recensione: Adesso e per sempre di Sarah Dessen

Data di pubblicazione: 07/09/2017

Editore: Newton Compton Editori

Genere: Romance / Young Adult

Pagine: 352

Prezzo: 10 €

Louna, figlia di una famosa wedding planner, ha assistito a ogni sorta di matrimonio: sulla spiaggia, dentro palazzi storici, in favolosi alberghi e club. Ne ha visti così tanti che è diventata un po’ cinica e difficilmente riesce a pensare che molte di quelle coppie vivranno “per sempre felici e contente”. Anche perché il suo primo amore è finito in modo tragico: il ragazzo che amava è morto in circostanze tragiche. Quando Louna incontra, proprio a un matrimonio, un ragazzo affascinante, allegro e spensierato, ma che le sembra il tipico donnaiolo, cerca di tenerlo a debita distanza. Ma Ambrose non ha alcuna intenzione di lasciarsi scoraggiare, perché crede di avere incontrato l’unica ragazza con cui davvero vuole stare.

Recensione

Sarah Dessen è tornata nelle nostre librerie dopo il romanzo Per sempre noi.
Louna ha diciassette anni, è una ragazza come le altre e, oltre a studiare, lavora per la società di wedding planner di sua madre. La sua vita scorre monotona e la sua regola è: mai distrarsi a un matrimonio, pensa solo al lavoro.

La vera sorpresa, però, fu che lui vide me. Quando ci si avvicina a qualcuno sulla spiaggia, di notte, che contempla l’oceano, non lo si interrompe. È una di quelle regole non scritte.

Quando però incontra Ambrose tutto cambia.
Ambrose è un ragazzo spavaldo che non vuole legami. È capace di far cadere ai suoi piedi ogni ragazza solo con il suo fascino e la sua parlantina, ma non Louna.

Non potevo darle torto. Per me, Ethan era perfetto: il ragazzo, bello, divertente, intelligente che pensava che io, Lulu, fossi una dea in terra. Era come se, in un certo senso, la mia vita fosse rimasta in silenzio e adesso ci fosse una colonna sonora, la miglior musica che si potesse avere in sottofondo in ogni istante. Quando non c’era si poteva sentire la sua mancanza. Non la si poteva conoscere. Ma dopo, niente era più lo stesso.

Louna deve ancora riprendersi dal lutto. Il suo fidanzato Ethan è morto e non ha più voglia di innamorarsi. Non vuole più soffrire, ma con Ambrose decide di fare un gioco: lei dovrà impegnarsi per avere più appuntamenti e lui dovrà mettere la testa a posto riuscendo a frequentare una sola ragazza per almeno sette settimane consecutive.
Per determinati atteggiamenti ho potuto capire Louna e il suo dolore, ma per quanto riguarda Ambrose l’ho trovato un personaggio “debole”, poco caratterizzato. Secondo il mio punto di vista necessitava di maggiore spazio all’interno della storia.

Ero ancora assente, in molti modi. E non ero sicura di voler essere trovata.

Non avevo mai letto nulla di questa autrice e non posso dire che mi abbia convinta al cento per cento perché ho trovato il romanzo a tratti confusionario. Si passa dal presente al passato un capitolo alla volta ma per stare dietro alla storia bisogna rimanere concentrati e non perdersi nemmeno un particolare. Ovviamente è un romanzo young adult adatto all’età adolescenziale e non possiamo aspettarci grandi “evoluzioni amorose” dalla storia.
Non mi sento di dare più di tre stelle perché mi sono mancate quelle emozioni tali da farmi battere il cuore.

Chiediamo e speriamo così tante cose, milioni di preghiere che si persone che si perdono nel nostro vasto mondo, senza alcuna possibilità che ci sia una risposta per tutte. Ma bisognava continuare a chiedere. Senza chiedere, nulla si sarebbe realizzato.

Voto 3 / 5 stelle!

  • 1 stella: pessimo
  • 2 stelle: scarso
  • 3 stelle: buono
  • 4 stelle: ottimo
  • 5 stelle: meraviglioso
Precedente [Review Party]: Verso la base di Kate Stewart Successivo Citazioni: Forse un giorno di Colleen Hoover