Recensione: Emozioni a fuoco lento di Elisabetta Motta

Data di pubblicazione: 28/09/2017

Editore: Leggereditore

Collana: Chef per amore

Prezzo: 9.90 €

Milene è una giovane archeologa abituata a viaggiare molto per lavoro e sempre sola. Ma questa volta, in viaggio verso un sito in provincia di Verona, è in seria difficoltà: la sua macchina è rimasta bloccata nel bel mezzo di un torrente in piena. Per fortuna un fuoristrada di passaggio si ferma in suo soccorso e, l’uomo alla guida, l’affascinante Rocco, si adopera per metterla in salvo. Le previsioni meteo, però, non promettono nulla di buono e Milene, costretta a interrompere il viaggio, deve accettare l’invito di Rocco a soggiornare nel suo casale, Ca’ dei Limoni, un vero angolo di paradiso. L’incontro con Milene, in realtà, sarà una benedizione soprattutto per Rocco: il maltempo rischia di mandare all’aria l’importante evento previsto nel suo casale, ma la giovane archeologa rivelerà grandi e inaspettate doti in cucina. E il cibo, si sa, alimenta attrazioni che nascono lentamente per divampare in una bollente passione… Che sia quella la strada giusta che condurrà entrambi al vero amore? Una storia che scava a fondo nei sentimenti e li condisce con sapori vivaci e inattesi…

Recensione

Oggi vi parlo di un altro romanzo della collana Chef per amore che ho letto per voi grazie alla Leggereditore. Se vi siete persi l’altra recensione del romanzo Dolce risveglio, sempre della stessa collana, la potete trovare QUI.

Sento che sei l’altra parte della mia anima a lungo cercata.

Milene sta riprendendo in mano la sua vita decidendo di partire per l’Italia e coronare il suo sogno d’indipendenza diventando finalmente un’archeologa a tutti gli effetti. Tutto sembra andare per il verso giusto finché, giunta a Verona, si ritrova nei guai per via di un’alluvione. Fortuna che a salvarla ci sarà Rocco, il proprietario di un casale meraviglioso.
L’incontro tra i due mi ha ricordato molto la scena del “salvataggio” del film Un amore di testimone con Patrick Dempsey e Michelle Monaghan.

E il modo in cui Milene arrossiva quando la guardava gli piaceva da morire. Sapeva però che presto quella magia sarebbe finita. Ognuno sarebbe tornato alla propria vita, e di quei meravigliosi giorni sarebbe rimasto solo il ricordo. Nulla di più.

I protagonisti non sono riusciti ad entrarmi nel cuore, sono rimasti leggermente in superficie perché li ho trovati leggermente “freddi”. Cerco di spiegarmi meglio. La storia d’amore è davvero molto bella, quasi un sogno ad occhi aperti, ma le scelte di vita di entrambi non le ho sempre condivise. Entrambi in pochissimi giorni sono riusciti a stravolgere le loro vite per qualcosa che non si sarebbero mai aspettati. Capisco anche il farsi prendere dalla passione, ma se il passo da fare è così grande vanno valutate tutte le opzioni e non gettare le proprie passioni al vento e rischiare il proprio futuro così tanto. Certo è che questa è una storia d’amore a lieto fine dove tutto va sempre per il meglio.

Era riuscito a convincersi che sarebbe stato difficile incontrarla. Se infatti da una parte nutriva la speranza di rivederla, dall’altra non voleva che accadesse.

Il romanzo è breve, lo stile è scorrevole e la storia è raccontata in terza persona. Mi ha ricordato molto i primi Harmony che ho letto, forse perché tutto si svolge in un arco temporale abbastanza breve. Se volete leggere una storia d’amore leggera potrebbe essere il romanzo adatto a voi.

Voto 3 / 5 stelle!

  • 1 stella: pessimo
  • 2 stelle: scarso
  • 3 stelle: buono
  • 4 stelle: ottimo
  • 5 stelle: meraviglioso
Precedente Segnalazione #50: Oltre le paure, Te di Ilenia Bernardini Successivo Jennifer L. Armentrout in Italia

Lascia un commento

*