Recensione Film: Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar

Data di uscita: 24/05/2017

Registi: Joachim Roenning , Espen Sandberg

Genere: Azione / Avventura / Commedia

Sceneggiatura: Jeff Nathanson

Attori:  Johnny Depp (Jack Sparrow), Kaya Scodelario (Carina Smyth), Orlando Bloom (Will Turner), Javier Bardem (Armando Salazar), Brenton Thwaites (Henry Turner), Kevin McNally (Joshamee Gibbs), Geoffrey Rush (Hector Barbossa), Golshifteh Farahani (Shansa), Paul McCartney (Zio Jack), Stephen Graham (Scrum), Keira Knightley (Elizabeth Swann)

Durata: 129 min

La flotta di marinai fantasma capitanata dal temibile Armando Salazar è intenzionata a ripulire i mari dall’infestazione pirata, distruggendo tutti i vascelli sulla rotta che esibiscono la bandiera nera con teschio e ossa, e condannando i banditi che si trovano a bordo a una fine tremenda. Fuggito dal Triangolo del Diavolo a bordo della Silent Mary, un tempo maestosa, ora oscura e decadente, Salazar sembra avere un conto in sospeso proprio con lo svampito Sparrow, la unica speranza di sopravvivenza risiede nel leggendario Tridente di Poseidone ma per riuscire a trovarlo sarà costretto ad allearsi con la brillante e affascinante astronoma Carina Smyth e il risoluto Henry Turner giovane marinaio della Royal Navy. Al timone di una nave piccola e malandata, Jack si prepara ad affrontare l’oceano, rassegnato alla sorte avversa e allo scontro con i nemici passati che proprio non ne vogliono sapere di morire definitivamente. Ritroviamo anche Hector Barbossa, come sempre indeciso se spalleggiare il suo vecchio capitano o venderlo al miglior offerente.

Recensione

Sono passati ben quattordici anni dal primo film della saga (Pirati dei Caraibi – La maledizione della Prima Luna, 2003) e mi sento di affermare che i Pirati della prima trilogia sono tornati. Dopo un quarto film, bello ma debole di trama, Jack Sparrow e i personaggi più amati sono tornati sul grande schermo.
Ho ritenuto questo film una degna conclusione di quello che ci era stato raccontato.
Protagonista di questo quinto film è il tridente di Poseidone, l’unico a poter eliminare le maledizioni del mare. È questo che porta Henry Turner a intraprendere un viaggio alla ricerca di questo misterioso oggetto. Avrà però bisogno dell’aiuto di Jack Sparrow. A loro si unirà l’astronoma Carina Smyth alla ricerca della verità e del suo passato.
Insieme dovranno affrontare i pericoli del mare e il temutissimo Salazar, chiamato El Matador del Mar.

Film che riporta alle origini in quella magia che mancava ormai da troppo tempo. I registi ci hanno regalato un tuffo nel passato e grazie a loro abbiamo ritrovato sullo schermo personaggi che abbiamo amato fin dall’inizio.
Johnny Depp è il perfetto pirata, sebbene in questo film lo vediamo più stralunato del solito. È il solito Jack con qualche bicchiere di rum di troppo.
Mi sento di affermare che la prima parte del film scorre lentamente per poi arrivare ad un finale dove io stessa ho pianto e sorriso perché era quello il Finale, quello con la F maiuscola. Quello che volevo e che speravo da sempre.
Altro piccolo neo è la storia della bussola. Tutti noi sappiamo che quest’ultima non è la classica bussola che punta al nord, ma punta verso ciò che più vuoi a questo mondo. Gira sempre intorno a questo piccolo oggetto, ma al tempo stesso potente. Viene solamente accennata, ma forse perché è in programma un nuovo film della serie, dato anche un grande “ritorno”?!

Quello dei Pirati dei Caraibi è un film che ti trascina. Vivi l’avventura in prima persona sentendoti anche tu un vero pirata.
Effetti speciali come sempre meravigliosi e credibili. Soprattutto per quanto riguardo gli spettri capitanati da Salazar (Javier Bardem). La colonna sonora è rimasta più o meno la stessa e come sempre è meravigliosa, da pelle d’oca, e l’immancabile umorismo c’è. Insomma è un film che per gli amanti della serie va assolutamente visto. Correte al cinema e non fatevelo scappare.

Vi lascio un clip del film. Tranquilli niente spoiler 🙂

Precedente Recensione: La mia ultima estate di Anne Freytag Successivo Anteprima: I 444 scalini di Mario Mazzanti