Recensione: Il senso della colpa di Daniel Di Benedetto

Data di pubblicazione: 10/05/2018

Editore: DZedizioni

Genere: Noir

Prezzo: 14.90 €

Il corpo avvolto tra le lenzuola, le mutandine sfilate e il sorriso di Anna che non tornerà più. Il maresciallo Giuseppe Occhipinti deve indagare sulla morte di quella ragazza che aveva imparato ad amare come un padre e come un fratello. Ricostruire la vita di una persona che pensava di conoscere e che scoprirà essere sempre più lontana dall’idea che aveva di lei. Notti brave, droga, amori fugaci. Una storia raccontata a più voci e che viaggia su binari paralleli fino a ricongiungersi in un finale dove niente è davvero quello che sembra, in un crescendo di adrenalina senza alcun filtro, sullo sfondo di una Torino mai così viva e pulsante prima d’ora.

Recensione

Un genere che generalmente non leggo, ma quando l’autore di Waiting (QUI La mia recensione) mi ha proposto la lettura del suo ultimo romanzo non ho potuto fare a meno di accettare e posso affermare con assoluta certezza che Daniel Di Benedetto ha una grande capacità: le sue parole arrivano dove devono arrivare.

All’improvviso, dover imparare una seconda volta a respirare. Mi volto, cercando di venire fuori da quella stanza maledetta in cui non sarei mai voluto entrare. La luce del giorno mi colpisce gli occhi con la violenza di uno schiaffo. Non credo di essere pronto a gestire questa cosa, è più grande di me. Inaspettata, inaudita e totalmente ingiusta.

Una storia triste. Una ragazza di soli diciannove anni trovata morta in una stanza di un motel. Un commissario alle prese con il passato e un senso di colpa sempre presente nel suo cuore.

Brutte bestie i ricordi. Ti costringono a fare i conti con una parte di te che si ostina a voler rimanere nascosta.

Giuseppe Occhipinti e la “sua” Anna. La ragazza che ha visto crescere, alla quale ha voluto bene sin dall’inizio ora non c’è più. Tutto è avvolto dal mistero. Cosa è successo veramente?
La fortuna di Anna è stata di trovare Giuseppe lungo il suo cammino. Un uomo che non si arrende. Svelare il mistero della sua morte sarà il suo scopo.

Mi allontano sorridendo, mentre sento una sensazione di benessere invadermi. Questa volta la risposta la conosco da me. È la vita che sta bussando alla mia porta, per ricominciare. È Anna che mi ha chiesto sia così, col suo sorriso disegnato dalla Natura. E sia.

L’autore ha messo su carta tutti i sentimenti, tutte le paure e tutti i più piccoli dettagli di tutti i protagonisti. Il lettore si immerge totalmente nella storia tanto da vivere ogni stato d’animo come fosse il suo.

Voto 4/5

Precedente Recensione: Uno sconosciuto accanto a me di Marilena Barbagallo Successivo Recensione: Il suo pasticcio a Tallulah di Cathryn Fox