Recensione: Quando mi sei accanto di Olivia Crosio

Data di pubblicazione: 12/06/2018

Editore: DeA Planeta

Genere: Narrativa

Pagine: 320

Prezzo: 15 € Prezzo e-book: 7.99 €

Courmayeur, estate 1973. Tutto inizia con tre ragazzi in fila indiana, diretti versi la cima del Monte Bianco, insieme senza quasi conoscersi. Davanti c’è Alex, il ribelle del paese, capelli neri arruffati e atteggiamento da rockstar: insopportabile per gli altri maschi e un mito per le femmine. In fondo c’è Chicco, il bravo ragazzo dall’animo sensibile, camicia e viso pulito da signorino di città. Al centro sta Chiara, per entrambi “la piccola Chiara”, perché ha solo sedici anni e una bellezza innocente che va guidata e protetta. Sanno poco o niente l’uno dell’altra, né possono immaginare che da quel giorno il destino li terrà per sempre uniti. E per trent’anni si allontaneranno e si avvicineranno nei modi più imprevedibili, facendogli sperimentare tutte le follie del cuore.

Recensione

Sarebbe bello potersi fidare delle parole degli altri per sapere chi siamo davvero. Ma non funziona così.

Siamo alla continua ricerca del nostro essere. Siamo alla ricerca di quella parte di noi che rimane nascosta. Siamo alla ricerca di noi stessi per vivere senza rimpianti.
Il romanzo di Olivia Crosio arriva nel momento giusto, soprattutto per me che avevo voglia di cambiare totalmente genere. Un romanzo dalle tinte delicate alle prese con un amore difficile.

Lo so bene, di essermi creato questo personaggio. È la mia armatura. È anche una parte facile da recitare, per uno con la mia faccia e il mio fisico. Quello che sono davvero, nemmeno io lo so. Sono un cantiere, lavori in corso. Transennato e da avvicinare solo con il casco giallo in testa.

Chiara, Alex e Chicco sono i protagonisti di questa storia che rimane impressa nella memoria del lettore. La loro storia attraversa anni. Anni di amore folle, di tormenti, di crisi.
Un triangolo d’amore che porterà alla luce sentimenti contrastanti, rimpianti e rancori.

Piacere a uno come Alex è conturbante. Spartire dei segreti con lui, sapere che mi guarda e forse è venuto fin qui per me, è come avere fuori dalla fortezza un cavallo sellato che scalpita per portarmi via.

Tre strade che il destino ha voluto far incontrare a un incrocio. Un gioco sadico? O semplicemente un modo per mettere alla prova tre persone di fronte alla vita?
Tre protagonisti davvero ben delineati che aiutano a entrare nel vivo della lettura con le loro frustrazioni, la loro capacità di amare e la paura di affrontare la verità.

Per lei spaccherò il mondo. Lei è la mia regina e io la coprirò d’oro e velluto. Non sono un poeta, non sono un filosofo, non sono né magnetico né misterioso, ma ho un cuore onesto dove custodirla, un petto solido sul quale farla dormire, una mente concreta per darle sicurezza, e occhi solo per lei.

Lo stile dell’autrice è libero di dire ciò che vuole. Non crea false speranze, ma affronta la realtà a testa alta.

Voto 4/5

Precedente Classifica settimanale dei libri più venduti (28 maggio-3 giugno) Successivo Anteprima: Berlin - L'isola degli Dei di Fabio Geda e Marco Magnone