Recensione: Uno sconosciuto accanto a me di Marilena Barbagallo

Data di pubblicazione: 03/05/2018

Editore: Newton Compton Editori

Genere: Dark Romance

Pagine: 448

Prezzo: 9.90 € Prezzo ebook: 5.99 €

Cosa proveresti se ti svegliassi imprigionata? Cosa faresti se la tua prima immagine fosse quella di Amir Shakib? Questo è ciò che accade a Lena Morozov, prelevata con la forza dal Settore Zero per portare a termine una missione a lei sconosciuta. Amir Shakib è pura oscurità, è marcio dentro, conosce il dolore, ma non lo sente più. Nessuno meglio di lui è capace di isolare le emozioni, annientare un’anima, sbriciolarla tra le dita e ricostruirla a sua immagine. Così le vite di Lena e Amir si incrociano. Lui è il suo Maestro e lei è la sua allieva. Lei cerca di resistere, lui deve spezzarla. Ma quando Amir riesce a entrarle nella mente, Lena non si aspetta di dover combattere anche contro la brama oscura, il desiderio di avvicinarsi al proibito, a colui che distrugge qualunque cosa tocchi. Lena sa che è sbagliato, ma ne è attratta; Amir sa che non deve, ma vuole. Insegnarle a sopravvivere sarà l’obiettivo, tenerla con sé l’unico desiderio.

Serie “Oscuro”:

  • Uno sconosciuto accanto a me
  • + 1

Recensione

Non intendo avvicinarmi a lei per nessuna ragione al mondo. Se non dovesse essere colei che cerchiamo, sarebbe categoricamente esclusa l’ipotesi di un contatto. Di qualsiasi tipo. 

Lena si ritrova improvvisamente prigioniera in una città a lei sconosciuta e il suo futuro è ormai incerto. Amir l’ha trovata e la porterà oltre i suoi limiti.
Il passato di lui e le incertezze della vita di lei scaveranno nella loro anima solchi profondi.
Il loro destino era di incontrarsi. Il Maestro ha trovato la sua Allieva perfetta, ma presto si renderà conto che niente è come sembra. Lei sembra essere l’unica a capirlo, a vederlo realmente.
Sentimenti contrastanti sono i protagonisti di questo romanzo della Barbagallo che regala emozioni forti, da non poterne quasi fare a meno.

È più che fastidiosa. È più che bella. È… più.
E l’ho trovata. Esiste.
Annullarla, sarà la missione.
Ricostruirla, l’obiettivo.
Resta solo… prenderla.


Chiude gli occhi, lo fa solo per qualche secondo e io attendo che li riapra. Attendo come se stessi aspettando di vedere l’alba.

La scelta di alternare i capitoli tra Lena e Amir riesce a far vivere in pieno tutta la loro storia. Ogni piccola sfaccettatura è messa nero su bianco.
I pensieri di Amir sono forti, travolgenti. Un personaggio da odiare e amare allo stesso tempo. Non riesci a capirlo fino a quando il suo cuore non viene letteralmente travolto da Lena. Entri nel suo mondo fatto di dolore e solo la vicinanza di Lena lo riporterò a scoprire un lato nascosto del suo cuore. Un luogo oscuro.
Per Lena tutto cambia improvvisamente. Il suo destino è stato scelto da qualcosa che lei non può capire. Il Settore ha in pugno la sua vita e solo lui sa cosa ne sarà di lei. Affrontando il dolore nascerà una Lena più forte. Una Lena che dovrà chiudere il suo cuore per non essere completamente privata della sua anima.

Mi succede una cosa strana, qualcosa che non provavo dai tempi in cui ero solo debole, e mi rendo conto che ho appena perso il controllo della situazione. Il controllo su di lei.

Marilena Barbagallo ci racconta una storia di dolore ricca di colpi di scena. Una storia da leggere con assoluta calma per vivere ogni attimo con il fiato sospeso.
Un romanzo che consiglio sicuramente alle amanti del genere, ma è una storia per lettrici ormai adulte perché sono presenti scene molto spinte e crude.
Un finale che lascia una porta aperta per un seguito che, spero, arriverà presto.

Voto 4/5

Precedente Anteprima: Inferno e paradiso chiavi in mano di Federico Maria Rivalta Successivo Recensione: Il senso della colpa di Daniel Di Benedetto